· 

I segreti per un buon pane fatto a casa!

Se si impara come fare, prepararsi il pane in casa da soli è molto più facile di quanto non si pensi!

I segreti per fare il pane in casa!

Prepara il tuo pane da sola!

Cosa c'è di più buono di un soffice e caldo pane appena sfornato? Siamo abituati a comprare il pane, anche perchè sembra complicato farlo da soli ma in realtà è più semplice di quanto non si pensi. E non c'è neanche bisogno di impastare.Tutto dipende dalla scelta del lievito.

Intanto vediamo i più comuni tipi di lievito che si usano:

  • Lievito chimico, ad es. Bicarbonato di sodio o lievito in polvere, che sono in genere utilizzati per lievitare torte, muffin, pane veloce e frittelle
  • Lievito di birra per prodotti da forno 
  • Lievito biologico (pasta madre) che è il metodo principale per far lievitare l'impasto del pane. Ed è quello di cui ti vogliamo parlare.

Cos'è esattamente il lievito? Il lievito non è altro che un organismo monocellulare chiamato Saccharomyces cerevisiae. Appartiene alla famiglia dei funghi; esistono oltre 500 specie di lievito. Le cellule di lievito sono a forma di uovo e sono visibili solo al microscopio. In un solo grammo di lievito ci sono 20.000.000.000 di  queste cellule!

Il lievito è l'ingrediente indispensabile per ottenere un buon pane, ma non solo, è un importante fattore di ogni processo di fermentazione, dalla birra, ai sottaceti, e dal cioccolato al  kombucha.

Il lievito ha bisogno di tre cose per "crescere": cibo, calore e umidità. In presenza di calore e umidità, il lievito converte zuccheri e amidi in anidride carbonica e alcool attraverso la fermentazione. Ed è l'anidride carbonica che fa lievitare i prodotti da forno.

Gli elementi essenziali di qualsiasi impasto per il pane sono farina, acqua e, naturalmente, lievito. Nella nostra ricetta, iniziamo mescolando il lievito secco biologico insieme a farina, latte, zucchero e burro fuso: la combinazione dei tre fattori di cui ha bisogno il lievito (cibo, umidità e calore) e che produce la fermentazione. Mescolate tutti gli ingredienti insieme, aggiungete un pizzico di sale, coprite e lasciate raffreddare in frigo per almeno otto ore o preferibilmente per tutta la notte. Successivamente, modellate l'impasto in un ovale rotondo e mettetelo su una teglia per iniziare la seconda lievitazione. Lasciate riposare l'impasto in un luogo caldo fino a quando non lo vedrete ben gonfio per circa due ore. Infine, cuocete la vostra pagnotta ( vi consigliamo di usare la farina di farro o kamut biologica) a 190 C° per circa 40 minuti, e comunque fino a quando non avrà assunto una bella colorazione marrone dorata.

Perchè non c'è bisogno di impastare?

Impastare, pensiamo che sia una fase essenziale della cottura del pane: è ciò che sviluppa il glutine nell'impasto, necessario per dare struttura al pane e una consistenza gommosa ed elastica. Ma la ricetta che vi abbiamo appena consigliato è speciale in quanto permette di evitare l'impastamento.

Perché? Perché in questa ricetta, è il lievito che lo fa per noi! Infatti, mescolando insieme gli ingredienti che vi abbiamo suggerito e lasciandoli prima in frigo e poi a temperatura ambiante per un totale di circa 10 ore o più, le proteine vengono scomposte e si crea quella forza motrice che sostituisce tutti gli sforzi di impastamento. Il lievito metabolizza gli zuccheri semplici formati dall'amido nella nostra farina, quindi trasuda un liquido che rilascia anidride carbonica e alcool etilico nelle bolle d'aria esistenti nell'impasto. E l'effetto è quello che volevamo, ma senza sforzo, ossia il pane lievitato.  Fondamentalmente, il lievito sta creando così tante bolle d'aria che si muovono attraverso l'impasto e che sono in grado di sviluppare il glutine senza dovere impastare.E' scientifico! Provate e vedrete.