· 

Ora di fare un check up? I sintomi dei quali dovresti preoccuparti

I sintomi dei quali dovresti preoccuparti

E' ora di fare un check up?

Cercare di comprendere i propri sintomi senza allarmarsi, ma senza neanche sottovalutarli è importante. A volte potrebbe essere il caso di fare un check up o comunque di rivolgersi ad un medico se alcuni sintomi diventano persistenti.Inutile rimandare e caricarsi di stress, il medico saprà distinguere se un sintomo è preoccupante o meno, quindi vai a farti controllare se è il caso e se i sintomi che accusi non scompaiono rapidamente e spontaneamente.Ti aiutiamo a distinguere i sintomi e a capire se andare dal medico, ma non allarmarti per favore e smettila di fare ricerche su internet e di pensare al peggiore dei casi, perchè ogni sintomo può essere la spia di molte condizioni spesso banali e facilmente curabili.In ogni caso, quello che conosci ti spaventa meno, per cui inutile perdere tempo a rimuginare pensando di avere una malattia grave per poi scoprire che non è vero. vai dal medico e lascia a lui il suo lavoro. Saprà come tranquillizzarti o farti fare esami eventuali di approfondimento della situazione. E spetterà a lui e non a te di fare una diagnosi.E qualsiasi sintomo, se ti stressi rimuginandoci sopra con scenari catastrofici, tenderà anche a peggiorare autoalimentandosi, per cui non ne vale proprio la pena.

Prima di andare dal medico, dal quale non devi correre al primo banale sintomo, pensa ad altre potenziali cause del sintomo e prova a risolverle. Anche esaminare le soluzioni più semplici, come il riposo se ti senti perennemente stanco, o qualche rimedio fai-da te per il mal di testa può essere importante. Se poi non ti passa, vai dal medico.Cerca di fare piuttosto uno stile di vita più sano e non farti prendere dalla paura al primo sintomo. Di seguito,abbiamo stilato una guida dove potrai trovare alcuni sintomi tra i più comuni e i loro significati, dal peggiore, a quello più innocuo. E pensa che di solito si tratterà di una cosa banale, ma se il sintomo persiste è giusto che tu faccia i dovuti controlli. Senza spaventarti.

1.Mal di testa cronico

mal di testa

Scenario peggiore: un tumore al cervello.

 Causa più probabile: mal di testa da tensione o emicrania.Un tumore al cervello di solito implica sintomi che vanno oltre il solo mal di testa. Può esserci improvvisa debolezza muscolare, un mal di testa forte che ti sveglia dal sonno, intorpidimento, alterazione della personalità, mancanza di coordinazione, vomito e alterazioni della vista, dell'udito, e del linguaggio.

Cosa fare: I farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), come l'ibuprofene e l'aspirina, alleviano solitamente il mal di testa da tensione e le emicranie lievi. Se il tuo mal di testa persiste per più di due settimane o se le tue emicranie non sono aiutate dai FANS da banco, consulta il tuo medico.

2.Sete eccessiva

Scenario peggiore: diabete di tipo 2.

Causa più probabile: il tuo corpo ti sta dicendo di bere più acqua. Se ti alleni di frequente, hai bisogno di liquidi extra per compensare quelli che perdi attraverso il sudore. L'aria secca e surriscaldata e alcuni farmaci, tra cui i diuretici, inoltre, possono anche provocare una insolita sete.A meno che tu non abbia sempre sete e che urini spesso, l'aumento della sete non indica necessariamente che hai il diabete. I sintomi del diabete di tipo 2 includono oltre alla sete intensa, anche fame smodata, insolita perdita di peso,, affaticamento, irritabilità e visione sfocata.

Cosa fare:tieni un diario per alcune settimane per tenere traccia di quanto bevi, quindi consulta il medico. Il diabete può essere diagnosticato con un semplice esame delle urine o del sangue.

3.Dolore al seno

Scenario peggiore: cancro al seno.

 Causa più probabile: livelli fluttuanti di ormoni, come estrogeni e progesterone, che possono causare l'espansione delle cellule mammarie nell'ultima parte del ciclo mestruale.Il dolore al seno, come fenomeno isolato, non è quasi mai un cancro, e quindi non  devi preoccuparti. A meno che tu non abbia sintomi, come nuovi noduli, che non vanno e vengono con le mestruazioni, o cambiamenti nel colore o nella struttura della pelle del seno, o fuoriuscita di sangue dai capezzoli.

Cosa fare: Se il dolore al seno è un problema frequente, limitati a bere due tazze di  caffè al giorno che di solito riduce il disagio in molte donne. Se il dolore persiste, vai dal medico che ti farà fare ulteriori controlli o ti prescriverà un farmaco per ridurre le fluttuazioni ormonali.

4.Tosse cronica

Scenario peggiore: cancro al polmone o enfisema.

Causa più probabile: raffreddore, bronchite acuta,  raffreddore, allergie o reflusso acido.

I sintomi del carcinoma polmonare non si manifestano all'improvviso.Il fumo di sigaretta provoca l'87 percento dei tumori polmonari, quindi se non fumi, il rischio è basso. E il fumo è anche la principale causa di enfisema.

 Cosa fare:se la tosse dura più di quattro settimane, consulta un medico. Se tossisci principalmente di notte, evita di mangiare entro tre ore prima di coricarti, poiché il reflusso gastrico può essere la causa della tosse notturna.

5.Dolore al petto

Scenario peggiore: un attacco di cuore.

Causa più probabile: affaticamento muscolare a seguito di esercizio fisico o sollevamento di carichi pesanti, reflusso gastrico, bruciore di stomaco, indolenzimento che deriva da una brutta tosse o irritazione polmonare causata da un'infezione delle vie respiratorie superiori.

Cosa fare: gli attacchi di cuore sono relativamente rari nelle persone di età inferiore ai 45 anni. L'età media tra le donne per un primo infarto è di 70 anni. Poiché se un infarto viene trattato entro un'ora aumenta la possibilità di sopravvivenza, meglio sarebbe di non ignorare il dolore toracico intenso che dura più di cinque minuti. Se il dolore dura più di cinque minuti, chiama il 118.

6.Perdita di capelli

Scenario peggiore: l'inizio della calvizie.

Causa più probabile: stress, gravidanza (in genere circa tre mesi dopo il parto), farmaci (inclusi pillole anticoncezionali e antidepressivi) o più di 40 anni.

Cosa fare: Sebbene la perdita dei capelli sia un problema molto comune, per le donne sotto i 50 anni è spesso probabile che sia temporanea e dovuta a stress o farmaci. Se i capelli cadono dalla parte superiore del cuoio capelluto ma non dalla parte posteriore, consultare un dermatologo. In alcuni casi, ci sono dei farmaci che possono aiutare la ricrescita dei capelli. Se la causa è uno squilibrio ormonale, correggerlo può aiutare.

7.Nuovi nei o macchie scure

Scenario peggiore: cancro della pelle.

Causa più probabile: una cosa innocua, una cheratosi seborroica (una crescita simile a una verruca comune nelle persone di età superiore ai 40 anni) o un segno dell'età.

Cosa fare:la pelle è in continua evoluzione, in parte a causa dell'esposizione al sole, e molti cambiamenti sono innocui, ma se hai più di 30 anni, prendi sul serio nuove macchie o nei.Controllati mensilmente da sola e vai dal   dermatologo ogni tre anni se hai un'età compresa tra 20 e 40 anni e ogni anno dop i 40 anni. I segnali di cancro della pelle sono un neo o una macchia scura  asimmetrica, con un bordo irregolare, una colorazione non uniforme (o che presenta  macchie  rosse, bianche o blu), e ha un diametro che sembra ingrandirsi.

8.Perdita di memoria

Scenario peggiore: Morbo di Alzheimer a esordio precoce.

Causa più probabile: affaticamento, stress o depressione; alcuni farmaci, inclusi antidepressivi e sedativi.

 Cosa fare: Meno del 5% delle persone a cui è stata diagnosticata la malattia di Alzheimer ha meno di 65 anni.La rara variazione ad esordio precoce ha un forte legame genetico. La perdita di memoria che è motivo di preoccupazione influenza le prestazioni lavorative, rende difficili le attività quotidiane, diminuisce le abilità linguistiche e provoca cambiamenti di umore o comportamento.Di solito è sufficiente dormire da sette a otto ore ininterrotte a notte, prendendo provvedimenti per ridurre lo stress e considerando se potresti soffrire di depressione. Se stai assumendo farmaci, chiedi inoltre al tuo medico se potrebbero compromettere la tua memoria.

9.Dolore addominale

Scenario peggiore: ulcera o tumore allo stomaco.

Causa più probabile: reflusso di gas o acido.

Cosa fare: Il dolore addominale occasionale può essere abbastanza normale e rimanere senza causa.Anche le ulcere sono abbastanza comuni, ma comportano ulteriori sintomi, tra cui perdita di peso, eruttazione, nausea, vomito e gonfiore. Il cancro allo stomaco invece è raro (colpisce principalmente uomini di età superiore ai 72 anni) e di solito è accompagnato da nausea, perdita di peso, sanguinamento gastrointestinale e gonfiore.

Prova i rimedi da banco, ed evita gli antinfiammatori. Se infine, hai sintomi gravi che si verificano più di tre volte alla settimana o persistono per più di due mesi, consulta un medico.

10.Giramento di testa e/o sensazione di testa vuota

Scenario peggiore: un ictus.

Causa più probabile: glicemia bassa, battito cardiaco irregolare, stress, raffreddore o influenza.

Cosa fare: In una persona altrimenti sana che non ha anche palpitazioni cardiache, la stordimento da solo non suggerisce mai un ictus. Mentre le persone di tutte le età possono avere un ictus, quelle di età superiore ai 65 anni ne sono più esposte.Mangia pasti regolari che includono alcune proteine per mantenere stabile i livelli di zucchero nel sangue. Quando ti senti  la testa leggera, preparati una tazza di tè con un po' di miele, sdraiati, alza i piedi e guarda come ti senti dopo 10 o 15 minuti.Se succede più di una volta o se ti capita di svenire, vai dal medico.

11.Stanchezza costante

Scenario peggiore: Sindrome da affaticamento cronico.

 Causa più probabile: anemia, disturbi alla tiroide, depressione, stress o insonnia.

Cosa fare: Sempre più persone soffrono di stanchezza cronica, ma la sindrome da stanchezza cronica è ancora piuttosto rara.I segni possono includere frequenti mal di testa, sintomi simil-influenzali, mal di gola, linfonodi gonfi, estrema fatica a seguito di sforzo mentale o fisico, dolori muscolari e articolari e incapacità di concentrazione.Dormi almeno sette o otto ore ininterrotte a notte, mangia pasti nutrienti, fai esercizio  tutti i giorni della settimana e cerca di ridurre lo stress. Disturbi che causano affaticamento, come anemia e problemi alla tiroide, possono essere diagnosticati con esami del sangue e trattati con farmaci e cambiamenti nello stile di vita.

12.Dolore alle articolazioni

Scenario peggiore: Artrite reumatoide o lupus.

Causa più probabile: Ci sono tre possibilità principali: l'artrosi, che è correlata all'età e alle lesioni; una lesione da uso eccessivo, come borsite, tendinite o dolore ai legamenti, e un dolore localizzato ad una sola articolazione. L'artrite reumatoide e il lupus colpiscono in modo maggiore le donne ma sono ancora piuttosto rari. Riposa e prendi un farmaco antinfiammatorio da banco. Una crema antinfiammatoria, può inoltre aiutarti a lenire le articolazioni dolenti. Se il dolore dura più di cinque giorni, se hai la febbre o se senti affaticamento estremo o prolungato, consulta invece il medico.