· 

Come prendersi cura della pelle di un neonato

di Marina Malipiero

Adesso che il tuo bambino è a casa sarai sicuramente al settimo cielo , ma se sei una neo mamma dovrai anche imparare a prenderti cura di lui e sono certa che ti farà piacere leggere qualche consiglio. Tra i primi gesti della routine quotidiana vi è sicuramente la nutrizione che se possibile dovrebbe essere fatta di solo latte del tuo seno almeno per i primi 6 mesi , e andare avanti comunque per tutto il primo anno, perchè questo lo aiuterà a costruire un sistema immunitario forte. dovrai inoltre assicurarti che il tuo bambino stia bene al caldo perchè la sua temperatura corporea deve ancora regolarsi e farà presto a raffreddarsi. Per controllare se tuo figlio ha freddo o se suda puoi semplicemente toccargli il collo e sentire se sta sudando o se è freddo e agire di conseguenza, coprendolo di più o alleggerendolo.Un'altra parte importante della routine quotidiana è prendersi cura della sua pelle così fragile e delicata. Dovrai quindi dotarti di prodotti naturali e adatti, evitando assolutamente sostanze chimiche, profumi e coloranti. Queste sostanze, dovranno essere evitate tanto nell'abbigliamento quanto nei detergenti e nei prodotti per l'infanzia, perchè possono causare irritazione, secchezza ed eruzioni cutanee. Usando prodotti naturali, adatti per la sua pelle potrai proteggerlo da questi problemi, e inoltre ricordati anche che una delle cure primarie che potrai offrirgli sarà il tuo tocco, con qualche massaggio delicato e sicuramente tanto affetto e abbracci che lo faranno sentire amato, accolto e al sicuro.

 

Cura naturale della pelle del bambino

Un neonato nasce con una pelle rugosa e un rivestimento protettivo che si stacca naturalmente durante la prima settimana. Non c'è bisogno pertanto di strofinare la pelle o trattarla con lozioni o creme in questo periodo, perchè è un processo del tutto naturale che a volte si completa anche all'interno dell'utero, soprattutto se tuo figlio è nato oltre termine.

Con la cura della pelle del tuo piccolo dovrai fare ben poco all'inizio,ma vediamo alcuni suggerimenti per proteggere la sua pelle ed evitare che sviluppi allergie ed eruzioni cutanee.

Come prima cosa, resisti all'impulso di bagnare spesso il tuo bambino. Fare il bagno troppo spesso - più di tre volte a settimana durante il primo anno di vita,  rimuove infatti gli oli naturali che proteggono la pelle del bambino. Ciò potrebbe lasciare la pelle del bambino vulnerabile e asciutta, e fargli venire un eczema o aggravarlo nel caso che l'abbia già sviluppato.

Fatta eccezione per la bocca e le parti intime, i neonati non si sporcano molto.Pertanto dovrai principalmente tenere pulita la bocca e cambiargli il bavaglino assicurandoti che sia di lino o di puro cotone non trattato per non creargli irritazioni, e le parti intime provvedendo a pulirlo con del detergente apposito e un po' di acqua, e cambiarlo spesso per non causargli irritazioni. Sarebbe importante utilizzare dei pannolini appositi senza sbiancanti che potrai trovare nei negozi di alimenti bio o accessori naturali, ma ijn ogni caso cambiarlo spesso e non lasciarlo a contatto con le feci o residui di pipì troppo a lungo sarà già una buona prevenzione per la sua pelle delicata. Per quanto riguarda il bagnetto, una volta che l'ostetrica avrà dato il via libera al primo, dopo la cicatrizzazione del cordone ombelicale, dovrai farglielo non più di una volta alla settimana e sempre con prodotti specifici, evitando come detto prima prodotti che contengono profumi o coloranti. Assicurati di lavare spesso gli indumenti del tuo bambino, soprattutto quelli che stanno a contatto con la pelle, e anche in questo caso, usa dei detersivi appositi, senza profumi e sostanze chimiche.Lava separatamente gli indumenti del tuo bambino dal bucato della famiglia.

Di solito nei primi due mesi è molto difficile che un neonato sviluppi eczemi o dermatiti da pannolino che potrebbero invece manifestarsi successivamente a questo periodo.

Eczema

 L'eczema si presenta come un'eruzione cutanea pruriginosa principalmente sul viso e sul cuoio capelluto, ai gomiti e dietro le ginocchia.

Alcuni consigli per prevenire la pelle secca e irritata e l'eczema:

 

Fare il il bagnetto solo una volta alla settimana.

Non usare prodotti chimici o profumati sulla pelle del bambino. Se la sua pelle è asciutta, utilizza solo un unguento o una lozione  naturale sulle zone secche della pelle.

Assicurati che il bambino abbia solo indumenti morbidi, preferibilmente di cotone.

Se non passa rivolgiti al pediatra.

 

Eritema da pannolino

 

Il più delle volte, l'irritazione da pannolino è causato dall'irritazione che crea un pannolino sporco che rimane a contatto della pelle troppo a lungo, o dalla pelle che non viene adeguatamente asciugata dopo il bagnetto. Altre volte può essere causata da un infezione batterica o dall'uso di antibiotici che favoriscono la crescita di funghi. 

La maggior parte delle forme di dermatite da pannolino non richiedono cure mediche. Per il trattamento di dermatite da pannolino, e per prevenire ulteriori problemi della pelle dei neonati devi:

 

1.Controllare spesso il pannolino.

2.Cambiarlo immediatamente se è bagnato o sporco. 

3.Lavare la zona del pannolino con un detergente delicato privo di profumo o acqua naturale. Se l'eruzione è grave, usa molta acqua e poco detergente e tampona senza strofinare, con una salvietta di lino naturale.

Evita di usare le salviette per neonati soprattutto se contengono profumi o sostanze chimiche, che potrebbero seccare e irritare ancora di più la pelle del tuo bambino.

4.Assicurati che la pelle sia completamente asciutta prima di rimettere il pannolino.

5.Applica sulla pelle un unguento protettivo naturale o della semplice vaselina.

Evita di usare il talco, ma se decidi comunque di usarlo fa attenzione a tenerlo lontano dal viso di tuo figlio, perchè il talco o anche l'amido di mais contenuto nella polvere potrebbe causargli problemi respiratori.

 

Se l'eruzione non si risolve in due o tre giorni, porta il neonato dal pediatra. Se l'eruzione è causata da eczema, un'infezione batterica o da lievito o da altre condizioni, potrebbe infatti essere necessario un trattamento apposito che dovrà essere prescritto dal medico.

Massaggia la pelle del tuo bambino

Massaggiare il tuo piccolino è molto importante. Come coccolare, un massaggio è un modo per trasmettere il tuo amore e affetto per il tuo bambino. In effetti, la ricerca mostra che la sopravvivenza di un bambino dipende dall'essere toccati da altri, perchè il tatto innesca gli ormoni, aumenta l'immunità e aiuta a combattere le malattie. Inoltre, i bambini massaggiati sono più calmi, dormono meglio e soprattutto piangono meno, e questo sarà un bene anche per i genitori!  

 

Non c'è una tecnica speciale per massaggiare un bambino. Metti semplicemente il bambino su una coperta o un tessuto morbido, e assicurati che la stanza sia sufficientemente calda. Prendi un po 'di olio per bambini o una lozione delicata e scaldala tra le mani.

Quindi massaggia delicatamente il torace e il ventre del bambino con un tocco gentile ma deciso. Cerca di stabilire un contatto visivo e di parlare con il tuo bambino, oppure cantagli dolcemente.

Se si lamenta o piange, magari stai massaggiando troppo vigorosamente, pertanto usa un tocco più delicato.Vedrai che comunque una volta trovato il giusto ritmo, tuo figlio godrà appieno del massaggio e il tempo passato insieme gioverà a entrambi.

Scrivi commento

Commenti: 0