· 

I Rolling Stones suoneranno a Matera?

A Matera non c'è sempre il sole, anche se il panorama di questa città lucana con il sole è ovviamente più piacevole. E le nuvole si aprono anche sull'importante ruolo che questa terra di "sassi" ha preso come capitale della cultura europea per il 2019 dove i cittadini di Matera stanno lavorando duramente per riportare il sole a dissapori dal gusto puramente italiano che si consuma in questa terra, per lunghi anni dimenticata e raccontata nel libro-denuncia di Carlo Levi "Cristo si fermò ad Eboli" nel 1945, dove lo scrittore racconta la realtà di una terra povera e miserabile che oggi sperimenta invece la possibilità di una redenzione, proprio grazie ai "sassi ": abitazioni rupestri costruite nelle cave naturali della Murgia materana e abitate fin dal Paleolitico. Lo scrittore torinese fu colpito dalla povertà e dal degrado in cui viveva la popolazione materana in questi sassi, che oggi sono la possibilità di riscattare una città dalla quale non puoi non rimanere affascinato. Un torinese ha descritto il suo degrado e un torinese oggi dirige Matera 2019, tra gossip e screzi di sapore italiano, amaro come il famoso e storico amaro lucano, simbolo di questa terra. Un uomo del nord Italia, torinese come lo scrittore Levi, è ora alla guida della "resurrezione" di Matera. Paolo Verri, di cui si discute a Matera, e per il quale il sindaco De Ruggeri ha dichiarato pubblicamente l'incompatibilità del suo incarico in qualità di commissario unico per il turismo in Puglia e la cui nomina non ha avuto luogo come previsto, in una Regione dove il Presidente è agli arresti domiciliari.

I materani sono persone amichevoli, con i piedi per terra e cittadini che meritano un riscatto, ma come si può essere capitale della cultura in mezzo a scandali, disaccordi, difficoltà ad avere anche le informazioni di base sui tempi in cui la città sarà pronta in vista dell'inaugurazione il 19 gennaio. Il tempo passa velocemente e il 15 novembre non sappiamo ancora cosa accadrà, compresi scavi, bulldozer e lavori in corso. Il timore è che l'investimento che molti Materani hanno fatto in previsione di un futuro più luminoso potrebbe trasformarsi in un boomerang. Abbiamo cercato di avere più informazioni, ma anche i giornalisti che hanno chiamato la Fondazione di Matera da Stati Uniti, Irlanda, Inghilterra e Francia non sono stati in grado di avere informazioni su cosa sta succedendo. Sembra strano ma nessuno parla inglese! Quindi ci chiediamo cosa succederà quando le luci saranno spente, e l'euforia sarà passata, a tutte le strutture ricettive che sono state create! L'iniziativa di promozione delle capitali europee della cultura è nata per evidenziare la ricchezza e la diversità delle culture in Europa, per celebrare le caratteristiche culturali condivise da tutti gli europei, per aumentare il senso di appartenenza dei cittadini europei a uno spazio culturale comune e valorizzare profilo internazionale delle città. Eppure a Matera abbiamo faticato a capire cosa stanno realmente facendo per l'internazionalizzazione dell'evento. Dei molti milioni di euro disponibili per questa città, la comunicazione è stata per ora affidata solo ad alcuni giornali nel sud Italia e la capitale della cultura del marchio Matera non è apparsa su nessuna rivista internazionale, sebbene la città sia invasa di cartelloni. Abbiamo cercato di guardare sul sito della Fondazione Matera principalmente visitata dagli italiani e mal tradotto anche in inglese, con video che non hanno nemmeno i sottotitoli. Quindi quanto lavorano i Materani e stanno lavorando su come è possibile promuovere uno scambio culturale condiviso tra tutti gli europei se si rivolgono solo agli italiani? Poco dopo l'inaugurazione, coloro che non parlano italiano hanno difficoltà a conoscere le notizie, gli eventi e vedere i video pubblicati sul sito web della Fondazione Matera 2019. Su Matera c'è un senso di urgenza, ansia e persino mistero. Basta dare ai cittadini di questo angolo d'Italia, il benessere e il ritorno economico che questa opportunità avrebbe potuto meritare, o se i riflettori si spengono le pietre saranno di nuovo un simbolo di miseria unita ad amarezza, delusione e mortificazione anche loro molte volte questi sono i valori che gli italiani si trovano a scambiare non solo con i paesi europei ma con tutto il mondo. L'Italia sembra aver dimenticato il suo glorioso passato di artisti, poeti, scultori e scrittori, ora sepolti dalla sempre crescente corruzione nel paese, dove la volontà dell'individuo non è sufficiente per combattere il malgoverno e gli scandali che stanno aumentando nonostante la chiusura di molte aziende ogni giorno, e purtroppo il crescente numero di giovani laureati che ogni giorno decidono di lasciare il paese in cerca di un futuro migliore.

Sembra strano che in Italia la gente sia preoccupata dall'arrivo dei migranti con il timore di perdere il lavoro . La realtà è diversa: Gli immigrati fanno solo lavori che gli italiani non vogliono più fare, o lavori sottopagati, i cittadini italiani diventano sempre più poveri ogni giorno e le persone che dovrebbero governare il paese sono spesso più interessate ai propri interessi che a quello comune.

I Rolling Stones non canteranno a Matera. Possiamo solo sperare che le pietre non cadano sulle persone di questo luogo che spera di uscire dalla povertà, ma dove invece impera la disorganizzazione e la corruzione, purtroppo l'unico "Made in Italy"  rimasto in un paese dove forse gli abitanti saranno di  costretti a essere quei migranti che oggi temono.

 

Dove dormire

Mata Suite Matera

 

A Matera il modo migliore per godersi la città e le sue antiche atmosfere è fare l'esperienza di una "pietra", l'antica grotta di Matera. C'è un posto speciale che unisce il concetto di privacy e lusso e dove godrai il tuo miglior tempo di sempre. Stiamo parlando di Mata Suite, una sistemazione indimenticabile, una suite di lusso, che nasce dalla trasformazione e dal restauro di un vecchio e povero "sasso" in un luogo che non dimenticherai mai. La prima cosa che noterete è il rispetto per la natura, i colori e i materiali utilizzati, legno e pietra, in una miscela bilanciata capace di donare un intenso senso di serenità in un paesaggio mozzafiato, non lontano dal centro della città. Tutte le camere sono arredate con un ottimo gusto e tutto è accurato e ben organizzato. E 'una splendida location per una fuga romantica in coppia, in un'atmosfera rilassante, magari condividendo un buon bicchiere di vino e coccolandoti con la vasca idromassaggio con cromoterapia . La suite è dotata di una piccola ma bella zona giorno con divano letto, un armadio aperto e un bagno privato con doccia in vetro e una stanza insonorizzata con vasca idromassaggio.

La colazione sarà autogestita all'interno della suite. Gli ospiti troveranno a loro disposizione un bollitore per tè e tisane, cialde di caffè, biscotti, frutta, dolci secchi e molto altro, e inoltre la cortesia della direzione del Mata Suite, un luogo ideale dove partirete con la forte voglia di ritornare di nuovo.

 

Scrivi commento

Commenti: 0