Terra e surriscaldamento globale: I rischi per l'umanità

di Fabio Fantini

I cambiamenti climatici stanno sconvolgendo la terra e la vita umana e i rischi e le previsioni sono tutt'altro che rassicuranti. La Terra che si surriscalda sempre di più sta cambiando il clima, ma influisce anche sulla salute delle persone e sugli animali. 

1.Il surriscaldamento altera i ghiacciai, gli oceani e il clima

Gli scienziati stanno documentando gli effetti dei cambiamenti del clima che derivano in gran parte dal surriscaldamento globale causato dagli esseri umani e purtroppo tutto questo, che ha già un forte impatto nelle nostre vite quotidiane, è destinato a peggiorare nel tempo e potrebbe rivelarsi una vera e propria catastrofe.

La criosfera, che è la calotta ghiacciata sulla terra, si sta sciogliendo. L'atmosfera più calda fa si che il manto nevoso del pianeta, e i ghiacciai si sciolgano rapidamente.E questo a sua volta causa l'innalzamento del livello degli oceani, che inoltre si surriscaldano accelerando un ciclo implacabile di fusione e riscaldamento.Gli oceani stano diventando più caldi e più acidi; assorbono infatti il 90% del calore in eccesso nel clima;inoltre quasi un terzo delle emissioni di biossido di carbonio finisce negli oceani innescando cambiamenti chimici nell'acqua che sta diventando sempre più acida, e scioglie così i gusci delle creature marine tra cui i coralli. Le ondate di calore sono più frequenti in tutto il mondo e l'aumento dell'evaporazione dell'acqua esacerba gli eventi meteorologici estremi come gli uragani. L'innalzamento del livello del mare causa inoltre ondate e tsunami che provocano danni e milioni di morti. Nelle zone più aride del pianeta la siccità e gli incendi si intensificano.

2. La salute umana è a rischio e così i danni all'economia e l'aumento della povertà su scala globale.

I cambiamenti climatici rappresentano una grave minaccia per l'agricoltura, e in tutto il mondo gli agricoltori stanno lottando per stare al passo con i cambiamenti climatici e le forniture idriche sempre più imprevedibili. Le fattorie  hanno più probabilità di subire attacchi di erbe infestanti, malattie e parassiti, che riducono la resa dei raccolti. L'aria più calda e inquinata influisce e non di poco sulla nostra salute. L'atmosfera più calda aumenta la formazione di ozono a livello del suolo, ossia dello smog, che irrita i polmoni e scatena attacchi di asma e altre allergie. Inoltre il fumo degli incendi sempre più frequenti contribuisce a degradare ulteriormente l'aria che respiriamo. Il calore estivo estremo sta facendo sempre più morti e in più il surriscaldamento dell'acqua dolce diventa un terreno fertile per lo sviluppo di agenti patogeni e di batteri che contaminano l'acqua potabile. Inondazioni, intemperie e altri eventi meteorologici estremi non sono casuali, ma sono il frutto del surriscaldamento globale e creano milioni di danni alle infrastrutture e alle forniture elettriche che hanno un impatto sulla nostra vita quotidiana.

3. L'habitat naturale sta diventando sempre più ostile

La terra e il mare stanno cambiando, e sono diventati inospitali per alcune specie animali; inoltre alcuni ecosistemi sono a rischio di collasso.Gli animali artici che hanno bisogno di ghiaccio sono messi a dura prova e mammiferi come trichechi e orsi polari lottano per sopravvivere. L'orso polare è a rischio di estinzione ormai da molti anni a causa del surriscaldamento globale. Le barriere coralline, i coralli e i molluschi sono molto sensibili ai cambiamenti di temperatura, e i coralli si sbiancano a causa della mancanza di alghe che li nutrono. Poiché le barriere coralline ospitano molte altre specie marine come i pesci, il loro collasso può distruggere l'intero ecosistema. Inoltre l'oceano più acido influisce sul normale equilibrio del calcio, e questo significa che le creature con conchiglie come molluschi e coralli non hanno abbastanza calcio per crescere. Le foreste sono più soggette a infestazioni mortali, e gli inverni più miti e le estati più lunghe consentono agli insetti che uccidono gli alberi di prosperare. Nel frattempo, gli alberi sono anche indeboliti dalla siccità e questo ha causato tra l'altro il declino di oltre 60.000 chilometri quadrati di conifere nelle Montagne Rocciose. Un quadro catastrofico che ognuno di noi con un po' di consapevolezza e buona volontà, diventando più attento nei propri comportamenti può aiutare se non altro, ad arrestare. 

Scrivi commento

Commenti: 0