· 

Quando il mare incontra i borghi, viaggio autunnale tra cultura e tradizione

di Marisa Sonnino

             Monterosso in Liguria

Il turismo nelle località marine ormai va ben oltre la stagionalità, e ha subito un vero e proprio processo di destagionalizzazione, andando a coprire tutti i mesi dell'anno. La spiaggia e il mare riescono sempre ad affascinare il turista, divenendo ancor più suggestive nei mesi freddi, proprio per questo SEMPLICE ha deciso di fornire qualche consiglio per una mini fuga tra i borghi sul mare più suggestivi, coniugando il fascino del mare e la bellezza di questi luoghi, in una stagione dai mille colori e dalle mille sfaccettature come l'autunno. 

Tra le spiagge più suggestive non può certo mancare la Liguria, con il meraviglioso borgo di "Monterosso al Mare", il più grande e occidentale delle Cinque Terre. Un luogo che nasce dal lavorio di migliaia di anni tra roccia e acqua e che, incanta qualsiasi sguardo con i suoi borghi, le sue baie e le sue spiagge. Particolarmente apprezzata "La statua del Gigante", direttamente scavata nella parete di roccia a picco sul mare, è una di quelle attrazioni da non perdere. durante il proprio soggiorno a Monterosso.

I panorami sono tra i maggiori punti di forza delle Cinque Terre: non stupisce, dunque, la presenza di un sistema di terrazze panoramiche divise da belle mura e dislocate tra i paesini di Vernazza, Corniglia, Manarola e Riomaggiore. Le mura delle Cinque Terre creano una piccola ma grande muraglia dai numeri abbastanza importanti: due metri di altezza per undicimila chilometri, cifre che non hanno niente da invidiare alla Grande Muraglia Cinese.

In fatto di località di mare godibili in autunno, anche il centro Italia è uno scrigno prezioso di tesori naturalistici, come il suggestivo borgo di Sirolo, a picco sul mare, noto per essere il gioiello del Conero con la sua piazza terrazzata e un affaccio panoramico con una vista privilegiata sull'intero litorale. Le coste simbolo di questo territorio sono la Spiaggia delle Due Sorelle, con i suoi faraglioni, e Urbani, conosciuta come la Conchiglia Verde. 

Spostandosi più a sud, verso il Cilento, una tappa obbligata è quella ad Acciaroli con le sue spiagge, ormai consacrate Patrimonio dell'Umanità dall' UNESCO e più volte fregiate del titolo di Bandiera Blu. La sabbia bianca che si alterna ai ciottoli, che valorizzano ancora di più l'azzurro del mare e riflettono le sfumature del blu, hanno reso questa zona tra le più belle d'Italia, che ha come valore aggiunto anche l'immensa cordialità dei suoi abitanti. 

La Spiaggia Grande è uno dei maggiori litorali della zona, una delle principali attrazioni di quest'area e meta ideale per un soggiorno di puro relax, coccolati dalle onde di un mare limpido e da un paesaggio ancora incontaminato e da sogno. 

Dulcis in fundo, spostandosi ancora più a sud verso la Calabria, si trova la bella e misteriosa Scilla, conosciuta per il suo sperone roccioso a picco sul mare, e considerata uno dei borghi marinari più eleganti d'Italia. La parte più antica e celebre di Scilla è Chianalea, conosciuta anche come la piccola Venezia per la sua posizione sul mare e delle sue case, che sembrano avere le loro fondamenta proprio sugli scogli. Da questo borgo si erge maestoso, dipanandosi in una ragnatela di vicoli e vie, il Castello dei Ruffo, che domina il territorio. Le spiagge che circondano Scilla sono piccole, appartate e perfette per godere del relax e della tranquillità necessaria per un'evasione autunnale. 

Da sinistra nelle due prime foto la riviera del Conero e  nell'ultima immagine Scilla

Scrivi commento

Commenti: 0