Naviganti di internet, occhio alle truffe!

di Paolo Guicciardini

Dopo le truffe di benestanti uomini americani di solito vedovi e impegnati in missioni pericolose, pronti a derubarti il cuore e il conto in banca, arrivano i truffatori che si nascondono dietro ai nomi delle celebrities. Questo tipo di truffa si basa sul fatto che molti di noi sono pronti a credere a quasi tutto ciò cui vi è collegato il nome di un personaggio importante dello spettacolo.Le truffe consistono in pubblicità di falsi prodotti miracolosi associati ai volti di persone note a loro insaputa, in premi inesistenti o falsi spettacoli. Alcuni sono ancora poco conosciuti ed è importante saperne di più per potersi difendere. Le truffe e i truffatori sono sempre esistiti ma adesso tra web e social si espandono a macchia d'olio; riescono a truffarti mantenendo l'anonimato e purtroppo risulta molto difficile per gli organi di polizia "acciuffarli". Vediamo alcune truffe più comuni nelle quali potresti incappare:

1.Vendita di prodotti.

Gli esperti di marketing sanno che se una celebrities indossa un abito o utilizza un prodotto le persone saranno più propense all'acquisto, e sebbene alcuni personaggi famosi prestino i loro volti ad alcuni brand, ci sono in giro molte "fake". Come avviene la truffa? Il prodotto viene taggato con il nome del personaggio famoso

(ovviamente a sua insaputa)per cui prima di effettuare qualsiasi acquisto fai molta attenzione e fai un giro on line per capire se è vero e cercare recensioni del prodotto che stai per acquistare. Inoltre non utilizzare mai carte di credito collegate al conto bancario ma solo carte prepagate con il minimo di soldi necessari che ti servono per procedere all'acquisto e questo sempre.
2.Spacciarsi per persone famose
Molti dei profili di persone famose che trovi on line e sui social sono falsi. E vengono utilizzati per chiedere denaro in prestito raccontandoti storie "credibili" e sperando che tu possa "abboccare" giocando sul fatto che notoriamente queste persone hanno molti soldi e che non potrebbero mai truffarti. Ma se una celebrities, che sia un personaggio dello sport o un'attrice famosa resta chiusa fuori casa o perde le chiavi della macchina pensi davvero che ricorra ai social per chiedere aiuto? Ovvio che no. infatti sono bufale. I truffatori si spingono talmente oltre da organizzare anche falsi concerti con sosia. E' successo in Sudamerica per un concerto dove invece di Toni Braxton si è presentata una sosia che oltre ad essere stata scoperta è stata anche fischiata. Ma i soldi? Saranno tornati nelle tasche di chi li ha sborsati?
3. Eventi fasulli

Truffe legate non solo a concerti ma a tutti i tipi di eventi, dagli eventi per single, ai viaggi e alle feste, fino alle vacanze. Occhio pertanto quando fai questo tipo di acquisti. Chiama, parla con le persone al telefono, scrivi alle agenzie, informati prima di acquistare qualsiasi biglietto a meno che non sia una piattaforma che già conosci perché non rivedrai mai i soldi spesi. (e ovviamente non ci sarà alcun evento).

4.Truffe di premi e lotterie legate  ad ignari personaggi famosi

Una tra le ultime porta il nome di Oprah Winfrey, e i truffati ricevono un email dove gli si dice di avere vinto un premio nel concorso dello show della presentatrice, ma è una truffa! Dove guadagnano? Prima di ricevere il premio vi verrà chiesto di pagare una commissione. Mai pagare tasse o commissioni per premi non ancora riscossi. Se vincete ad un gratta e vinci vi faranno pagare delle tasse, ma vi verranno detratte al momento del ritiro della somma in banca.

5. Celebrità nigeriane

Potresti ricevere una mail dal Presidente della Nigeria che vuole darti dei soldi, ma dovrai pagare una tariffa anticipata. Oppure ricevi una mail dalla moglie del celebre Madoff che ti invita ad aiutarla a nascondere alcuni dei milioni nascosti di suo marito. Ovviamente non a gratis.

 

 

6.Siti falsi di persone o aziende famose

Tu fai una ricerca di una persona famosa o di un'azienda famosa e vieni dirottato su un sito web che non ha nulla a che fare con queste persone o queste aziende.A volte se una persona famosa non ha fatto in tempo a registrare il dominio con il suo nome potresti essere dirottato su un sito che sembra vero, ma sono siti pericolosi dove non ti conviene entrare perché potrebbero contenere virus o codici dannosi. La finalità? Rubarti dati personali e soldi.

7.Alerts di notizie false

Clicchi sul titolo della notizia che di solito riguarda la morte di una persona famosa o un'altra notizia fasulla che suscita la tua curiosità e ti ritrovi su un sito web infetto da un virus o apri un allegato che installa un virus sul tuo computer.

8.Proposte di incontrare la tua star preferita 

In questa truffa sei portato a credere che avrai la possibilità di incontrare una persona famosa, o se sei un dilettante in erba, di poterti esibire con qualche celebrities, o di fare un'audizione. Ti verrà chiesto ovviamente di pagare del denaro per coprire le spese di biglietti o dell'hotel, o altro. Sono truffe.

9. Messaggi su Twitter

Recentemente molti account twitter di celebrities come Britney Spears sono stati utilizzati per pubblicare messaggi osceni o sensazionali; a volte sono solo hacker che si divertono (male), ma a volte invece i messaggi contengono collegamenti a siti web dannosi.

10.False biografie

A volte sono solo scherzi (idioti) ma il più delle volte gli hacker riescono a modificare articoli di Wikipedia e sono talmente bravi che per quanto l'organizzazione disponga di controlli di sicurezza non riescono a fermarli.

Infine,un sito dove si consumano molte truffe è subito.it. Non vendere mai nulla e soprattutto non consegnare mai nulla finché non hai i soldi sul conto perché i truffatori sono bene addestrati e ti invieranno bonifici falsi ai quali crederai perché sono fatti in maniera perfetta (anche una banca potrebbe cascarci vedendoli) ma sono fasulli. Le persone che li inviano sono sconosciuti alle banche e ovviamente non vedrai mai i tuoi soldi e perderai la merce. Potrai e dovrai fare denuncia,ma non rivedrai mai né i soldi né i beni che di solito vengono consegnati in condomini popolari super affollati dove i destinatari ricevono la merce attaccando un cognome posticcio che poi staccheranno.

Triste ma vero. Quindi se "non fidarsi è bene, diffidare è meglio".

 

Scrivi commento

Commenti: 0