· 

Alcuni cibi che non dovresti mai associare

di Valentina Scarpellini

Spesso mangiamo di corsa, magari un panino al volo all'apparenza stuzzicante, ma con un insieme di alimenti che non dovrebbero essere associati, oppure ci troviamo davanti ad un buffet o a un brunch e ci facciamo tentare dall'assaggio di diversi tipi di cibi che anche se in  piccole quantità ci fanno tornare a casa con il mal di stomaco e poi non sappiamo a quale di essi dare la colpa. Magari ogni cibo preso a sé può essere innocuo oppure anche tossico, ma a volte, anzi direi spesso, sono le associazioni sbagliate che creano problemi e anche un cibo altamente salutare se combinato con altri con i quali per così dire "non va d'accordo" può creare problemi.

Sull'alimentazione si legge e si sente dire tutto e il contrario di tutto, ma sebbene poi per ogni esigenza individuale o per valutare eventuali intolleranze personali sia meglio rivolgersi ad un medico nutrizionista, vi sono delle regole di base sull'errata associazione di alcuni cibi, che dovremmo conoscere se vogliamo evitare problemi. 

Vediamo quali sono i cibi che non dovresti mai consumare insieme se vuoi evitare dunque questi problemi e non vuoi ritrovarti con la pancia gonfia come un pallone.

Associare correttamente i cibi è importante partendo dal presupposto che non tutti gli alimenti hanno lo stesso tempo e modalità di digestione. Nel nostro organismo al momento della digestione entrano in attività una serie di enzimi e ciascuno di essi, è specifico per una determinata sostanza. Le "amilasi"per esempio, sono enzimi che agiscono sugli amidi, mentre le proteasi sulle proteine e le lipasi sui grassi. Ciascuno di questi enzimi ha bisogno di condizioni di acidità  diverse e se si associano nello stesso pasto alimenti che hanno esigenze digestive totalmente diverse la digestione diventa lenta e difficoltosa e le sostanze nutrienti non vengono assimilate come dovrebbero.  Inoltre si possono presentare anche disturbi come eccessiva sonnolenza postprandiale o bruciore di stomaco, mentre associare correttamente i cibi aiuta il nostro organismo a funzionare al meglio.

1.Proteine e amidi

L'amido è contenuto principalmente nei cereali e nelle patate, ed ha processi digestivi totalmente differenti da quelli delle proteine, quindi l'associazione di questi cibi rallenta i processi digestivi e non è certo la migliore, anche se ovviamente dipende molto dalle quantità che ne ingeriamo.Più se ne magia e peggiore sarà il risultato, ma in linea di massima consumare gli amidi da soli ne garantisce una migliore digestione.

2.Fonti proteiche diverse

I cibi prevalentemente proteici sono la carne, il pesce, il latte i formaggi e le uova. Ciascuno di questi alimenti ha esigenze digestive diverse, pertanto non andrebbero mai associati tra loro. L'associazione carne-formaggio è tra le peggiori in assoluto.Nello stomaco infatti il latte coagula in fiocchi che si mescolano con le particelle di carne e ne impediscono la digestione.

3.Fonti amidacee diverse

I cibi ad alto contenuto di amidi, come pasta, pane e patate si sposa male con le proteine ma anche con gli alimenti fritti, o con il cioccolato e con il vino che sarebbe meglio bere quando consumiamo un pasto proteico.

4. Cibi proteici e alimenti "acidi"

Gli alimenti troppo acidi inibiscono le secrezioni gastriche perché lo stomaco che ha bisogno di un ambiente particolarmente acido per digerire le proteine,limita la produzione di pepsina, che è attivata dalla produzione di acido cloridrico. Se mangi un pasto altamente proteico per esempio non vi associare immediatamente una tazzina di caffè.

5.Proteine e grassi

Un'altra associazione che andrebbe evitata, a meno che non si tratti di mettere un po' di olio extra vergine di oliva a crudo su una fetta di carne o sul pesce, perché il consumo di grassi, soprattutto se cotti e di origine casearia, come visto in precedenza,inibisce le secrezioni gastriche e ricuce la motilità intestinale con il risultato di rallentare la digestione. Evitate pertanto di cuocere carne o pesce con il burro.

6.Zuccheri, amidi e proteine

Gli zuccheri vengono assorbiti rapidamente e consumarli con alimenti che richiedono una digestione più laboriosa rallenta la digestione  e può causare fenomeni di fermentazione; ecco perché ad esclusione della mela, che è ricca di pectina, è consigliabile mangiare la frutta lontano dai pasti.

Scrivi commento

Commenti: 0