· 

Sicilia, la meta ideale per chi ancora deve fare le vacanze

In Sicilia l'estate si prolunga oltre il mese di settembre e anche in ottobre il clima rimane ideale per fare una vacanza tardiva che preveda bagni e mare; ma in Sicilia ci sono anche tante cose da vedere e l'accoglienza di una terra meravigliosa, un'isola che è la più grande d'Italia, divisa dal continente dallo Stretto di Messina e bagnata da tre Mari, lo Ionio, il Tirreno e il Mediterraneo.

Sicuramente uno dei posti più belli da visitare nel sud dell'Italia, dove potere organizzare itinerari diversi, da  a seconda dei gusti personali, tra natura, storia e tradizione. Ad attendervi un mare bellissimo ricco di fondali interessanti per chi ama immergersi, offre una natura a volte davvero incontaminata, e profumi e sapori unici e difficili da dimenticare. La Sicilia ha anche numerose isole cha la circondano: dalle Eolie, alle Egadi, alle Pelagie, e poi Ustica e Pantelleria. Ognuna diversa dall'altra ma tutte bellissime e ricche di cultura e tradizioni locali.Poi i vulcani tra cui l'Etna e lo Stromboli con le loro attività eruttive ancora presenti. Il nome antico della Sicilia era Trinacria, e il territorio è ricco di preziose testimonianze archeologiche che ne raccontano le origini. Molti sono i luoghi da visitare, e l'ideale sarebbe fare un tour dei luoghi più belli e poi ritagliarsi qualche giorno di solo mare e riposo. I luoghi sono così diversi tra loro; basta lasciare il mare vicino a Catania per avventurarsi in un'escursione sull'Etna per rendersi conto  dei suoi panorami unici creati dalle eruzioni nel corso del tempo. In Sicilia vi sono molte aree protette dei parchi regionali, da quello dell'Etna, alle Madonie a quello del Nebrodi e poi il paradiso vulcanico di Pantelleria costellato da incantevoli scorci come la grotta "Pertusa di Notaro" e dei caratteristici dammusi, costruzioni tipiche in pietra lavica che hanno il pregio di mantenersi fresche durante l'estate. Dal mare alla montagna si arriva alla Valle del Bove, con pareti fino a 1000 metri, con la Grotta del Gelo che è l'unico esempio di ghiaccio perenne sull'isola, e ancora le Gole dell'Alcantara, una fitta rete di canali rocciosi attraversate dalle fredde acque del fiume Alcantara, sono alcune delle meraviglie che si potranno ammirare visitando questo gigante della natura.

             Il vulcano Etna in eruzione

Le Isole Eolie

Queste isole sono numerose, e diverse, ognuna con un fascino a sé. Nel 2000 sono state inserite nella World Heritage List dell'Unesco, come patrimonio dell'umanità. Le isole Eolie sono 7 , Lipari, Vulcano, Stromboli, Panarea, Salina, Alicudi e Filicudi. La storia delle Eolie è indissolubilmente legata ai vulcani, gli “artisti” che hanno creato queste splendide opere della natura, dove è possibile immergersi nel blu profondo del mare, fare delle escursioni nelle grotte disseminate lungo le coste, rilassarsi nelle piccole spiagge lambite dalle acque cristalline, prima di dedicarsi all'ottima cucina locale rigorosamente a base di pesce.

La Valle dei Templi di Agrigento

Un altro tesoro dell’umanità certificato dall’UNESCO è l’area archeologica di Agrigento, una delle più importanti città della Magna Grecia. Immersa nel verde degli ulivi, dei mandorli, degli agrumeti e dei vigneti che si estendono verso il mare, sorge la famosa Valle dei Templi che con i suoi imponenti ed eleganti monumenti rievoca l’atmosfera irreale di 2500 anni fa, quando l’antica Akagras Agrigentum era un centro di potere e di cultura.

Siracusa e i siti dell'Unesco

Siracusa è situata sulla costa sud-orientale della Sicilia; dal 2005 sito UNESCO,assieme alla necropoli di Pantalica. Questa antica colonia greca si affaccia su un suggestivo porto naturale chiuso a levante dall'isola di Ortigia, il nucleo urbano più antico. Ogni angolo della città offre preciso etestimoninze archeologiche che rievocano lo splendore delea MGNA Grecia. A Siracusa e alle Isole Eolie si aggiungono altri due siti uNESCO da non perder: le otto splendiede città tardo barocche della val di Noto e la Villa Romana del Casale.

e poi Taormina, descritta dal celebre scrittore Guy de Maupassant come un paesaggio in cui si trova tutto ciò che sembra creato sulla terra per sedurre gli occhi, la mente e la fantasia. Un piccolo gioiello da visitare e dove fernatrs magari un paio di giorni, posta a metà strada tra messina e Catania.

Da sinistra a destra, la Val di Noto e Taormina

Sovrano incontrastato della Sicilia è sicuramente il mare con le sue spiagge da vivere in mille modi diversi, con le esplorando i suoi meravigliosi fondali o facendosi trasportare dalle onde o dal vento con il  surf il windsurf o il kite. Da San Vito lo Capo a Mondello, Cefalù, Marina di Ragusa, Taormina e le isole Eolie, fino a Pantelleria, e le più remote Ustica e Lampedusa. In Sicilia potrete inoltre fare numerosi percorsi di trekking lungo gli itinerari dei Parchi Naturalistici, a piedi ma anche a cavallo o in mountain bike.

Non mancano neanche il luoghi termali dove semplicemente rilassarsi o fare delle cure. Tra le più famose quelle di Sciacca,o le Terme di Acireale dove le acque sotterranee si mescolano a quelle sulfuree provenienti dall'Etna.

             La bellissima spiaggia bianca con l'acqua cristallina di San Vito Lo Capo in provincia di Trapani

I luoghi della letteratura

Gli appassionati di cultura troveranno tanti spunti in Sicilia , percè una terra fonte di inesauribile conoscenza, tra arte, storia e cultura. patria di scrittori quali  Salvatore Quasimodo, Giovanni Verga, Luigi Pirandello, leonardo Sciascia e Tomasi di Lampedusa, che hanno trovato nell'atmosfera e nel clima suggestivo dell'isola l'ispirazione per scrivere grandi opere come "il Gattopardo" o "I Malavoglia". La stessa atmosfera dove ancora oggi possiamo decidere di immergersi scegliendo di intraprendere un viaggio nei luoghi descritti da questi illustri personaggi, per rivivere le stesse emozioni e le stesse sensazioni che questi grandi autori hanno raccontato nelle loro opere.

La Magnagrecia siciliana

La Sicilia è un'ottima occasione per un tuffo nel passato , tra i templi greci di Selinunte e quelli di Agrigento e di Imera, il Teatro greco-romano di Taormina e le cattedrali di epoca normanna, soprattutto a Palermo: d'obbligo per chi è interessato alla tradizione, una puntata ad Acireale per godere dello spettacolo dell'Opera dei Pupi

(teatro delle marionette siciliane) che racconta le storie di Orlando Furioso.

Feste e sagre

Chi ama andare per feste e sagra troverà in Sicilia un'ampia scelta. Nel meraviglioso Teatro Antico di Taormina, ogni anno si organizzano eventi tra i quali il famoso Festival del Cinema dedicato alla premiazione delle migliori opere cinematografiche. Il calore e la gioia di vivere dei siciliani si manifestano in tutta la loro esuberanza, anche nei festeggiamenti dedicati al Carnevale, la festa più allegra e colorata dell'anno. Quello di Acireale è definito come il più bel carnevale di Sicilia, per l'estro creativo e l'originalità con i quali si realizzano i tanti carri allegorici in cartapesta che sfilano accompagnati da leggiadre e coloratissime maschere.

Numerose anche le feste dedicate ai Santi Patroni della Sicilia che raccontano la profonda devozione religiosa degli abitanti. Tra le tante, ricordiamo la Festa di Santa Rosalia a Palermo e la Festa di Sant'Agata a Catania, che ogni anno si celebrano in tutto il territorio regionale. Il calore della terra siciliana si imprime anche nella sua buona cucina ricca di specialità e sapori genuini. Dagli arancini di riso alle panelle, ai crispeddi catanesi. Grande attenzione anche ai primi piatti, dalla pasta alla Norma, alla Pasta con le Sarde, al cuscus trapanese a base di pesce. Le proposte di pesce sono molte e eccellenti tra le quali merita un posto d'onore la cucina del pesce spada. E per finire, come non menzionare la famosa pasticceria siciliana,dove la ricotta e la pasta di mandorla regnano sovrane. Molti prodotti hanno conquistato i marchi DOP e IGT rendendo la Sicilia una delle regine della dieta mediterranea, famosa nel mondo per la genuinità degli alimenti utilizzati.

Dagli oli extra-vergine d'oliva alle succose arance o l'uva di Canicattì, fino ai pomodori pachino, o i capperi di Pantelleria, i fichi d'India e le olive Nocella del Belice, tante sono le eccellenze che caratterizzano la gastronomia  siciliana.

Ottimi anche i formaggi, dal Ragusano al Pecorino, o gli insaccati come il Salame di Sant'Angelo e i prodotti da forno come la pagnotta di Dittaino.

Ad innaffiare il tutto gli ottimi vini siciliani dal gusto deciso e corposi e per accompagnare i dolci l'ottimo "Passito di Pantelleria".

        Da sinistra il Carnevale di Acireale e la festa di Santa Rosalia a Palermo

  I buoni piatti della cucina siciliana

Scrivi commento

Commenti: 0