· 

Fibromialgia: Gli errori da non fare

di Patrizia Colbertaldo

Affrontare il dolore costante e quotidiano della fibromialgia può essere difficile, ma se cadi in alcune trappole comuni può essere ancora più difficile. Ci sono infatti alcuni passi falsi che possono rendere ancora più pesante il dovere far fronte a questa patologia. Vediamo quali :

1.Non tenere un diario

Poiché chi soffre di fibromialgia convive quasi costantemente con il dolore, diventa difficile capire se e quando si presentano dei miglioramenti. Tenere un diario, può aiutarti a vedere le cose in maniera più lucida; questo può effettivamente aiutarti a capire quando e perché stai peggio e comprendere cosa ha scatenato le reazioni peggiori.

2.Aspettarti troppo dai farmaci

Anche se ci sono alcuni farmaci che vengono indicati per la fibromialgia, devi essere consapevole del fatto che non sempre possono essere le migliori scelte per il tuo caso e che non sempre funzionano. E possono avere anche pesanti effetti collaterali pertanto devi sempre valutare benefici e rischi. Il trattamento primario per la fibromialgia deve essere "il cambiamento del proprio stile di vita" che comprende, alimentazione, controllo delle emozioni, e esercizio fisico mirato.

3.Rifiutare le terapie

I farmaci per la fibromialgia in realtà nascono per tamponare altre condizioni per lo più psichiatriche.I maggiori farmaci che vengono usati sono gli antidepressivi, e alcuni pazienti trovano sollievo, pertanto se funzionano prendili senza per questo sentirti un malato psichiatrico. Come sempre deve valere il buon senso e la praticità.

4.Non cercare le cure "alternative o complementari"

Anche se la medicina convenzionale spesso non li contempla, non per questo non funzionano, anzi.

Lo yoga per esempio funziona molto bene, aiuta i dolori del corpo e porta rilassamento che migliora la dolorabilità muscolare. La meditazione è utile così come il Tai Chi, un'arte marziale cinese perché entrambi alleviano lo stress, e lo stress è uno dei fattori coinvolti nella fibromialgia come anche in altre patologie.

5.Restare in cura da un "dottore sbagliato"

Purtroppo ci sono ancora molti medici che considerano la fibromialgia una malattia psicologica e che non  ne sanno molto su questa condizione.Se questa è la tua impressione sul medico che ti sta curando, non esitare a cambiarlo o a cercare altre strade. Cerca uno specialista, come un reumatologo o qualcuno comunque esperto e che conosca la fibromialgia.

6.Negare di essere malato

Molti pazienti con diagnosi di fibromialgia  vedono un medico dopo l'altro cercando di trovare opinioni diverse. 

Sentire più campane non è sbagliato, ma ad un certo punto bisogna comunque accettare di avere un problema e fare di tutto per stare meglio,mentre continuare a cercare potrebbe solo fare perdere tempo ed energie che potrebbero essere spese per curarsi.

7.Rifiutare il supporto della famiglia

Chiedi il sostegno di tua moglie o di tuo marito, genitori, fratelli e figli; certo non è facile a volte interagire con i familiari che potrebbero anche avere difficoltà a capire e creare senso di frustrazione e rabbia in chi soffre.

Si devono valutare le persone che si hanno accanto e decidere di conseguenza.

 8.Non cercare un sostegno

"Tutti hanno bisogno di qualcuno con cui parlare della loro malattia"; se non vuoi aprirti con degli amici o non ne hai, puoi cercare un gruppo di sostegno on line o trovare un'associazione che si occupi di questa patologia.

9.Fare finta di nulla

Potresti non avere voglia di parlare e sentire che anche gli altri, medici e familiari siano stanchi di ascoltarti. Ma evitare il problema non è la soluzione, piuttosto diventa parte attiva di un'associazione che si occupa della fibromialgia. Ti sentirai utile e coinvolto e il tuo parlare non sarà solo un "lamento " che se a volte scappa, non è di grande aiuto.

10.Senso di colpa

Il senso di colpa non esiste, abbiamo solo 5 sensi e chi è fortunato potrebbe avere il sesto, ma il senso di colpa non è incluso. Non serve perché ti fa solo sentire più arrabbiato/a, spaventato/a, frustrato/a e depresso.

Anche se è ragionevole sentirsi depressi a volte, non lo è sentirsi in colpa, che non fa altro invece che farti sentire di più il dolore.

11. Lasciare il controllo di te alla fibromialgia

Come in ogni malattia cronica, ci saranno giorni in cui ti sentirai giù, per questo devi cercare di trovare delle attività che ti piacciono, in modo da avere più equilibrio e gioia nella tua vita, così da non dare tutte le tue attenzioni alla malattia perché staresti soltanto peggio.  Stare a casa e trascinarsi dal letto al divano non ti aiuta a stare meglio! Fai delle attività, esci di casa e lascia meno spazio al dolore almeno nella tua mente, e ne sentirai i benefici sul corpo!

 Che sia un hobby, un gruppo spirituale, un corso di pittura, insomma qualunque cosa che ti va di fare ma falla!

12.Prendere la vita troppo sul serio

Ridere è troppo importante, e l'umorismo aiuta in qualsiasi brutta situazione. Fai cose divertenti, e frequenta persone divertenti! Guarda film da ridere, e nei limiti delle tue possibilità cerca di sorridere di più e ti sentirai meglio.

13. Non fare sport perché " ti fa male tutto"

Lo yoga, il nuoto e la camminata, è scientificamente provato che danno grandi benefici nel dolore cronico così come nella fibromialgia. All'inizio sentirai male, ma dopo ti garantisco che starai meglio. 

Ci sono persone che utilizzano l'attività sportiva come unica "terapia" e stanno tutto sommato bene.Infine, datti da fare per stare meglio, e utilizza le energie che spendi a lamentarti per fare qualunque cosa che ti faccia stare meglio, perché nessuno lo farà per te e meglio di te.

Scrivi commento

Commenti: 0