· 

Perdi peso e proteggi il cuore

Perdere peso e soprattutto eliminare il grasso addominale, è di vitale importanza per preservare la salute del cuore. Le diete che si diffondono sui media sono ormai tantissime e alcune anche prive di qualsiasi riscontro scientifico oltre a potere rappresentare un rischio per la salute. Se vuoi perdere peso devi affidarti ad un nutrizionista, ma ci sono delle linee guida che più intanto provare a seguire perché esistono dei metodi scientificamente provati per ridurre il girovita. "Non esiste ancora una dieta miracolosa, un alimento, un nutriente o un componente bioattivo destinato a colpire il grasso addominale", scrive Kari D. Pilolla, della California Polytechnic State University di San Luis Obispo.

Tuttavia, una dieta "sana per il cuore" che è ricca di fibre e povera di grassi saturi potrebbe essere un modo efficace per ridurlo.

L'eccesso di grasso intorno all'addome - noto come grasso viscerale - è spesso considerato un killer silenzioso ed è stato collegato a una serie di rischi per la salute che potrebbero contribuire all'epidemia di obesità in atto, continua Pilolla.

"Indipendentemente dal peso corporeo, una circonferenza della vita più ampia aumenta il rischio di malattie cardiovascolari, diabete e sindrome metabolica". Invece, quello che  si consiglia a coloro che cercano di ridurre il grasso addominale è di  seguire una dieta basata sull'evidenza che sostiene la salute del cuore, come la dieta per combattere l'ipertensione (DASH), sviluppata dal National Institute on Aging.

La dieta si basa sul consumo di cereali integrali, carni magre, pesce, frutta e verdura e pochissimi latticini magri. 

Inoltre il programma raccomanda di eseguire un programma quotidiano di attività fisica.

"Con le conseguenze sulla salute associate all'obesità addominale, la ricerca non cesserà in questo settore", aggiunge. I nutrizionisti e i professionisti del fitness dovrebbero collaborare di più tra loro per potere offrire dei programmi mirati per la riduzione del peso e per salvaguardare la salute dei propri pazienti e clienti.

Scrivi commento

Commenti: 0