· 

I segreti dell'eclissi di luna

di Arianna Mancini

Le eclissi sono un fenomeno naturale che  si è ripetuto più volte nel corso della storia. Sappiamo tutto riguardo al fenomeno fisico che sta dietro ad un eclissi, ma che cosa ci dicono le antiche scritture, i miti e le leggende nascoste dietro a questi fenomeni?Partiamo dalla Bibbia, perché anche nel testo sacro per eccellenza della tradizione monoteista si parla delle eclissi  e si evince che Dio userà segni, miracoli e altri modi per comunicare con i suoi Figli, quindi anche le eclissi potrebbero essere uno di questi modi.

I cristiani credono che il 2018 sia l'anno in cui Cristo tornerà e l'eclisse sarebbe uno dei fenomeni che annuncerebbero tale ritorno.Nel vangelo di Luca si legge " e ci saranno segni nel sole, nella luna e nelle stelle, e sulla terra l'angoscia delle nazioni a causa del ruggito del mare e delle onde, persone che svengono con paura e con presagio di ciò che sta arrivando sul mondo. Perché le potenze dei cieli saranno scosse".Versetto chiaramente apocalittico e segno di fine del tempo; non l'unico peraltro, perché vi sono altri riferimenti che collegano fenomeni astronomici con l'apocalisse. Matteo (24:29) collega un'eclissi solare con la fine- 2Immediatamente dopo la tribolazione di quei giorni il sole si oscurerà e la luna non darà la sua luce". E durante un eclissi lunare il sole è in realtà significativamente oscurato e la luce normalmente riflessa dalla luna è sparita. All'inizio di gennaio si sono verificati per la prima volta in 150 anni, quattro eventi lunari separati. L'eclissi lunare totale come quella di ieri,è anche conosciuta come "blood moon" o luna di sangue, a causa della luce rossa che si crea nell'atmosfera. Se guardiamo al calendario degli eventi di questi giorni, inoltre abbiamo un'altra curiosità interessante e forse non una coincidenza; infatti il 2018 è anche il 70° anniversario della nascita di Israele, che fu dichiarata nazione indipendente dopo la seconda guerra mondiale nel marzo 1948.

 Il pastore Mark Blitz è noto per la ricerca di fenomeni astrologici da una prospettiva biblica. Biltz ha iniziato a usare il termine luna del sangue in riferimento alle eclissi lunari perché il rosso è il colore più comune di una luna totalmente eclissata, e anche il sangue è rosso. Nonostante il fatto che non tutte le eclissi lunari appaiano rosse, Biltz insegna che un'eclissi lunare probabilmente era ciò che il profeta Joel aveva in mente quando parlava della luna trasformata in sangue prima del grande e terribile Giorno del Signore (Gioele 2:31 ). Inoltre, Blitz crede che un'eclissi lunare al tempo della crocifissione sia stata un parziale adempimento di ciò, come evidenziato dal riferimento fatto da apostolo Pietro alla profezia di Gioele a Pentecoste (Atti 2:20). In realtà però abbiamo avuto numerose eclissi lunare e pertanto non potremo sapere effettivamente quale di queste sarà secondo la Bibbia quella significativa.

 

Miti e Superstizioni

Le eclissi solari e lunari hanno ispirato una miriade di miti e leggende provenienti da tutto il mondo.

Tra questi, vi sono miti e superstizioni che persistono ancora oggi, e quasi tutti convergono nello stesso tema, ossia una rottura dell'ordine stabilito. Vediamo i più affascinanti tra questi da tutto il mondo.

Vietnam:  si pensa che durante l'eclissi siano una rana o un rospo a mangiare la luna o il sole.

 

Scandinavia: i vichinghi credevano che il sole e la luna venissero inseguiti da un paio di lupi e  l'oscuramento ossia l'eclissi era provocato dal raggiungimento della luna o del sole da uno dei due.

 

Cina:  L'eclissi sarebbe il risultato di un drago celestiale che ha divorato il sole. Infatti, in cinese la prima parola per eclissi, shih, significa appunto "mangiare".

 

Canada: Secondo la popolazione della tribù Kwaikiutl, sulla costa occidentale del Canada, durante un eclissi, è la bocca de cielo a mangiare il sole o la luna. 

Indù: secondo l'antica mitologia indù, il sole e la luna durante l'eclissi  scacciano il demone Rahu colpevole di avere  bevuto il nettare degli dei, e il demone viene infine decapitato dalla divinità suprema Vishnu. La sua testa vola attraverso il cielo verso  il sole e la luna. Appena raggiunge uno dei due, lo mangia, ma poiché non ha corpo, il globo scivola nella sua gola e atterra nuovamente nel cielo.

 In questa cultura, era pratica comune durante un eclissi sbattere pentole e padelle e fare in ogni caso rumori forti, proprio al fine di spaventare il demone.

Grecia: Gli antichi greci credevano che le eclissi si verificassero quando gli dei avevano motivo di essere arrabbiati  con gli umani, e preannunciavano inoltre disastri e distruzioni.

 

New Mexico: La tribù Tewa credeva che il sole si arrabbiasse e decise di lasciare i cieli per raggiungere la sua casa negli inferi. Il sole sarebbe poi ritornato, in quanto avrebbe riconsiderato la sua fuga. 

Gli Inuit: In questa mitologia, la dea del sole Malina se ne va dopo aver litigato con suo fratello, il dio della luna Anningan. Anningan la insegue ma diventa così ossessionata dal suo inseguimento che dimentica di mangiare. Nel processo, diventa sempre più piccolo (fase calante) e alla fine deve fermarsi per ricostituirsi (la luna nuova). Occasionalmente, raggiunge Malina e tutto diventa buio, causando un'eclissi solare.

Africa: Ancora oggi, il popolo Batammaliba nel Togo e nel Benin vede ogni eclissi come un'opportunità per porre fine alle vecchie faide. Il mito è che un'eclissi è causata dal combattimento tra il sole e la luna. Quando si verifica un'eclissi, i Batammaliba si uniscono come comunità e cercano di porre fine al proprio combattimento come un modo per incoraggiare il sole e la luna a fare lo stesso. E se anche noi utilizzassimo l'eclissi per perseguire la pace?

Corea: Qui credevano che il re avesse ordinato ad un branco di cani di andare a rubare il sole, e a questo veniva appunto attribuita l'eclissi.

Molte persone in India ancora oggi  digiunano durante il giorno di un'eclissi solare o solare a causa della convinzione che qualsiasi cibo cotto o trasformato diventerà velenoso durante quel periodo. Alcuni dicono che anche l'acqua sarebbe da evitare. Altri decidono di digiunare per motivi spirituali e pregano, ma uno dei miti più persistenti è che un eclissi può danneggiare le donne in gravidanza e i loro bambini. Addirittura in alcune culture si ritiene che i nascituri potranno nascere deformati o morti a causa dell'eclissi, quindi è fatto divieto durante il fenomeno di uscire di casa se si è in stato di gravidanza. Per darvi un'idea di quanto questa credenza sia dura a morire, vi basti sapere che l'osservatorio Griffith di Los Angeles riceve ancora oggi molte telefonate prima di ogni evento proprio per avere rassicurazioni in merito all'eclissi e i possibili danni in gravidanza.

Molti altri in tutto il mondo vedono ancora le eclissi come presagi malvagi che portano morte, distruzione e disastri. E se smettessimo di pensare ai disastri e vedessimo l'eclissi solo come un bellissimo spettacolo della Natura, e un'evento  che comunque ci porta a condividere con meraviglia la visione del cielo magari insieme agli amici o alle persone che amiamo, forse che questo potrebbe portare un'iniezione di positività nella coscienza collettiva?  Direi che provarci non può essere di danno sicuramente è la cosa più bella e SEMPLICE da fare.

Scrivi commento

Commenti: 0