· 

Godi appieno del sole evitandone gli effetti collaterali!

di Marina Terzieri

Il sole fa molto bene alla salute, e anche all'umore ma trascorrere troppo tempo al sole può portare anche una serie di rischi che devono essere considerati. Dalla disidratazione , al colpo di calore, alle scottature che se ci esponiamo nelle ore più calde si possono verificare anche se indossiamo il cappello, gli occhiali da sole e la protezione solare. Le scottature lievi sono fastidiose e nel tempo possono provocare danni alla pelle, ma se il sole ci brucia letteralmente la pelle le conseguenze sono più gravi e assolutamente da evitare. Il sole, se preso in maniera sconsiderata può causare infatti un vero e proprio "avvelenamento", e oltre al dolore delle bruciature si possono manifestare anche sintomi simili a quelli di un influenza. Vediamo quindi come proteggere la pelle e le cose da sapere per godere solo dei benefici dell'estate e evitare gli spiacevoli effetti collaterali.

Quando il sole "brucia"
Quando ci bruciamo al sole, si presenta un forte arrossamento della pelle, e le zone bruciate possono gonfiare, e si possono presentare sintomi simil-influenzali come mal di testa febbre e nausea. I sintomi compaiono di solito dopo poche ore dall'esposizione al sole ma permangono anche per più giorni.

Una lieve scottatura fa arrossare la pelle, ma una bruciatura oltre ad essere particolarmente dolorosa,può fare comparire dermatiti e eruzioni cutanee.

Quando ci si accorge che ci stiamo scottando la prima cosa da fare è anche la più ovvia, ossia smettere immediatamente di prendere il sole e andare all'ombra. Poi deve essere valutato il danno; se ci sono delle vesciche o sintomi di disidratazione è sempre meglio rivolgersi a un medico, in modo da avere una sua valutazione e il trattamento dei sintomi. Se la bruciatura è lieve può essere trattata a casa, con delle docce fredde,in modo da ridurre prima possibile la temperatura corporea e alleviare il dolore. Si possono fare inoltre degli impacchi di latte tiepido direttamente sulle zone bruciate, perché il latte contiene lipidi che hanno effetti lenitivi sulle scottature. Potete usare inoltre un gel di aloe vera che consigliamo comunque di tenere sempre a casa soprattutto in estate, e se il bruciore è forte si può prendere anche un antidolorifico che può esservi consigliato in farmacia. Inoltre sarebbe bene bere molta acqua, che è comunque qualcosa che si dovrebbe fare sempre quando si sta al sole per evitare fenomeni di disidratazione.

Vediamo adesso come evitare i problemi di Bruciature & Colpi di calore

Intanto, (cosa che ancora molti non fanno), è necessario utilizzare una protezione solare minimo 30 ma anche più alta che protegge dai raggi solari, e ripetere l'applicazione anche se non si fa il bagno, ogni 2 ore, e non dimenticate di applicarla anche sulle orecchie che sono zone particolarmente delicate e facili a bruciarsi.
Nelle ore più calde state coperti (adesso esistono anche indumenti con tessuto che protegge dai raggi solari) e comunque evitate di esporvi al sole dalle 10 alle 16.


Altri articoli che potrebbero interessarti

CASA

ALIMENTAZIONE

ALIMENTAZIONE

STYLE