· 

I tatuaggi sono davvero così innocui?

 Laura Maffei

Il problema è stato nuovamente sollevato dopo il recente caso di una donna scozzese che ha iniziato a soffrire di dolore cronico all'anca, al ginocchio e alla coscia sinistra pochi giorni dopo aver fatto un tatuaggio sulla gamba. E per i medici è stato un caso difficile; una caso che è durato tre anni, il tempo che ci è voluto per aiutare questa donna a liberarsi dal dolore.  Il suo sistema immunitario era indebolito dai farmaci immunosoppressori che doveva assumere dopo il trapianto che aveva subito. Il consiglio che ci sentiamo di dare è che quando si tratta di salute le cose non vanno mai prese alla leggera, pertanto o che si tratti di disegni che volete farvi sul corpo o che si tratti di tatuaggi alle sopracciglia o altro, dovete sempre rivolgervi a un esperto qualificato! Come capire se siamo in buone mani? Lo capirete perché la persona sia che sia un tatuatore o un'estetista vi sottoporrà ad alcune domande fondamentali sulla vostra salute e sui farmaci che state assumendo e in alcuni casi come in quello della signora scozzese appunto che aveva da poco subito un trapianto e stava assumendo immunospressori il "professionista" in questione avrebbe dovuto rifiutarsi di fare il tatuaggio, e avrebbe così evitato alla signora in questione il lungo calvario di tre anni. E le conseguenze sarebbero potute anche essere peggiori. Da un 'irritazione della pelle, che può essere normale dopo un tatuaggio, nel caso descritto, la signora aveva sviluppato dolori intensi alla gamba e a l ginocchio che non passavano nonostante gli antidolorifici assunti. L'esame muscolare poté invece individuare, esclusa la diagnosi di malattia autoimmune a carico dei muscoli e delle articolazioni, un'infiammazione cronica dei muscoli.

Se volete fare dei tatuaggi oltre ad affidarvi a professionisti del settore, dovete rinunciare all'idea se soffrite di patologie autoimmuni, quali il Morbo di Chron, il lupus o l'artrite remautoide, o se ancora il vostro sistema immunitario è indebolita patologie croniche quali il diabete, o altre. La cosa più SEMPLICE da fare come sempre è informarsi e pensare prima di tatuarvi quali sono i rischi e i benefici di quello che state facendo. Via libera al vostro desiderio se siete in ottima salute, ma se avete dei problemi parlatene con chi vi farà il tatuaggio. Se il professionista minimizza, cercatene un'altro. Perché con la salute non si scherza.

 

Scrivi commento

Commenti: 0