· 

Cancro al seno. Conoscerlo può aiutarti a prevenirlo

Il cancro al seno è il tumore più comune tra le donne, dopo il cancro della pelle. Una donna su otto nei paesi occidentali (circa il 12%) svilupperà il cancro al seno durante la sua vita. È anche la seconda causa principale di morte per cancro nelle donne dopo il cancro ai polmoni. Il tasso di mortalità per il cancro al seno è diminuito un po 'negli ultimi anni, forse a causa di una maggiore consapevolezza e per la prevenzione precoce cui molte donne oggi si rivolgono con screening offerti anche a costi ridotti dalle migliori cliniche private e anche nei centri ASl e ospedali pubblici. Il cancro al seno è una malattia che si verifica quando le cellule del tessuto mammario cambiano (o mutano) e continuano a riprodursi. Queste cellule anormali si raggruppano solitamente per formare un tumore. Un tumore è canceroso (o maligno) quando queste cellule anormali invadono altre parti del seno o quando si diffondono (o metastatizzano) in altre aree del corpo attraverso il flusso sanguigno o il sistema linfatico, una rete di vasi e nodi nel corpo che gioca un ruolo primario nella lotta contro l'infezione.

Un fattore di rischio è tutto ciò che aumenta la possibilità di una persona di sviluppare il cancro. Sebbene i fattori di rischio spesso influenzino lo sviluppo del cancro, la maggior parte di essi non causa direttamente il cancro. Alcune persone con diversi fattori di rischio non sviluppano mai il cancro, mentre altre che lo sviluppano non hanno fattori di rischio noti. Conoscere i fattori di rischio e parlarne con il proprio medico può aiutarti a scegliere più consapevolmente lo stile di vita adatto e i percorsi di screening periodici. 

 

La maggior parte dei tumori al seno è sporadica, il che significa che si sviluppano da danni ai geni di una persona che si verificano casualmente dopo la loro nascita. Non vi è alcun rischio di trasmettere questo gene ai figli di una persona.

 

I tumori al seno ereditari sono meno comuni e rappresentano dal 5% al 10% dei tumori. Il cancro ereditario al seno si verifica quando i cambiamenti genetici chiamati mutazioni vengono tramandati all'interno di una famiglia da genitore a figlio. 

 

Quando si considera il rischio di cancro al seno, è importante ricordare che la maggior parte delle donne che sviluppano il cancro al seno non hanno evidenti fattori di rischio e nessuna storia familiare di cancro al seno. Diversi fattori di rischio influenzano lo sviluppo del cancro al seno. Ciò significa che tutte le donne devono essere consapevoli dei cambiamenti  che si verificano nei loro seni.

E' anche importante fare dei controllo regolari, e una mammografia annuale che può rilevare un tumore anche piccolo.

 

I seguenti fattori possono aumentare il rischio di una donna di sviluppare il cancro al seno:

 

Età. Il rischio di sviluppare il cancro al seno aumenta con l'invecchiamento della donna, infatti la  maggior parte dei tumori  si sviluppano nelle donne di età superiore ai 50 anni.

 

Storia personale . Una donna che ha avuto un cancro  in un seno ha un rischio maggiore di sviluppare un nuovo tumore in entrambi i seni.

 

Storia familiare di cancro al seno. Il cancro al seno può essere più probabile se la tua famiglia ha una o più delle seguenti caratteristiche:

 

Parenti di primo grado, madre, sorelle e figli, a cui è stato diagnosticato un cancro al seno o carcinoma ovarico, soprattutto prima dei 50 anni. Se 2 parenti di primo grado hanno sviluppato un tumore al seno, il rischio è 5 volte il rischio medio.

 

Molti parenti stretti a cui è stato diagnosticato un cancro al seno o al cancro ovarico, soprattutto prima dei 50 anni. Parenti stretti includono nonni, zie e zii, nipoti, nipoti e cugini.

 

Un membro della famiglia che ha sviluppato il cancro al seno in entrambi i seni.

 

Un parente maschio che ha sviluppato il cancro al seno. Anche se non è ancora chiaro quanto il rischio di cancro della mammella di una donna sia aumentato quando un uomo in famiglia ha un cancro al seno, a meno che non sia dovuto a una mutazione ereditaria.

 

Se un uomo della tua famiglia ha sviluppato un tumore al seno o una donna ha sviluppato il cancro al seno in tenera età o ha sviluppato un cancro ovarico, è importante che tu ne parli con il medico, perchè potrebbe essere che la tua famiglia ha una mutazione genetica ereditaria per il cancro al seno.

Quando si guarda alla storia familiare, è anche importante considerare la famiglia dalla parte del padre.

Esistono diversi geni ereditari legati ad un aumentato rischio di cancro al seno e ad altri tipi di cancro. Le mutazioni in questi geni sono collegate ad un aumento del rischio di tumore al seno e alle ovaie, così come ad altri tipi di cancro.

Attraverso il sangue possono essere adesso effettuati dei test per verificare eventuali mutazioni genetiche legate a fattori ereditari. Tuttavia questi test non sono raccomandati a tutte e comunque solo dopo una adeguata visita, su consiglio del medico o dell'oncologo.

 

Se una donna scopre di avere una mutazione genetica, ci possono essere dei passi che può intraprendere per ridurre il rischio di cancro al seno e alle ovaie. Potrebbe aver bisogno di un programma di screening del tumore al seno diverso rispetto alla media come effettuare più spesso i controlli, o iniziare lo screening in più giovane età.

 

Le donne diagnosticate con carcinoma ovarico ereditario hanno un aumentato rischio di sviluppare un cancro del seno.

 

Altri fattori di rischio sono legati alle prime mestruazioni e alla menopausa.Le donne che hanno avuto la prima mestruazione  prima degli 11 o 12 anni o che sono entrate in menopausa dopo i 55 anni hanno un rischio leggermente più elevato di cancro al seno. Questo perché le loro cellule del seno sono state esposte a estrogeni e progesterone per un tempo più lungo. Gli estrogeni e il progesterone sono ormoni che nelle donne, controllano lo sviluppo delle caratteristiche sessuali secondarie, come lo sviluppo del seno e la gravidanza. La produzione di estrogeni e progesterone da parte di una donna diminuisce con l'età, con una forte diminuzione in menopausa. Una maggiore esposizione a questi ormoni aumenta il rischio di cancro al seno.

 

Tempi della gravidanza. Le donne che hanno avuto la loro prima gravidanza dopo i 35 anni o che non hanno mai avuto una gravidanza a termine hanno un rischio maggiore di cancro al seno. La gravidanza può aiutare a proteggere dal cancro al seno. 

 

Terapia ormonale sostitutiva dopo la menopausa.La terapia ormonale sia con estrogeni e progestinici dopo la menopausa, spesso chiamata terapia ormonale postmenopausale o sostituzione ormonale, negli ultimi 5 anni o per diversi anni aumenta il rischio di cancro al seno di una donna. Tuttavia, le donne che hanno assunto solo estrogeni, senza aver precedentemente ricevuto progestinici, fino a 5 anni (perché hanno avuto la rimozione dell'utero per altri motivi) sembrano avere un rischio leggermente inferiore di cancro al seno.

 

Contraccettivi orali o pillole anticoncezionali. Alcuni studi suggeriscono che i contraccettivi orali aumentano leggermente il rischio di cancro al seno, mentre altri non hanno mostrato alcun legame tra l'uso di contraccettivi orali  e lo sviluppo del cancro al seno. La ricerca su questo argomento è ancora in corso.

 

Razza ed etnia. Il cancro al seno è la diagnosi di cancro più comune nelle donne, oltre al cancro della pelle, indipendentemente dalla razza. Le donne bianche hanno maggiori probabilità di sviluppare il cancro al seno rispetto alle donne nere, ma tra le donne di età inferiore ai 45 anni, la malattia è più comune nelle donne nere che nelle donne bianche. Le donne nere hanno anche maggiori probabilità di morire a causa della malattia. Le ragioni per le differenze di sopravvivenza possono includere differenze nella biologia, altre condizioni di salute e fattori socioeconomici che influenzano l'accesso alle cure mediche.

 

Anche le donne dell'eredità ebraica ashkenazita o dell'Europa dell'est hanno un aumentato rischio di cancro al seno perché potrebbero avere più probabilità di ereditare una mutazione del gene BRCA. Il tumore al seno è meno comunemente diagnosticato in donne ispaniche, asiatiche / indigene del Pacifico e native indiane americane / dell'Alaska. Le donne sia nere che ispaniche hanno più probabilità di essere diagnosticate con tumori più grandi e tumori di stadio avanzato rispetto alle donne bianche. Tuttavia, le donne ispaniche hanno generalmente tassi di sopravvivenza migliori rispetto alle donne bianche. 

 

Iperplasia atipica del seno Questa diagnosi aumenta il rischio di sviluppare il cancro al seno in futuro. È caratterizzato da cellule anormali, ma non cancerose, che vengono trovate con una biopsia.

 

 

Densità del seno. Il tessuto mammario denso può rendere più difficile la ricerca di un tumore con la mammografia . La densità del seno può essere dovuta a livelli più alti di estrogeni, piuttosto che a un fattore di rischio separato, e di solito è legata all'età. 

 

Stile di vita. Come per altri tipi di cancro, gli studi continuano a dimostrare che vari fattori legati allo stile di vita possono contribuire allo sviluppo del cancro al seno.

 

Peso. Recenti studi hanno dimostrato che le donne in postmenopausa in sovrappeso o obese hanno un aumentato rischio di cancro al seno. Queste donne hanno anche un rischio maggiore di riavere il cancro dopo il trattamento.

 

Attività fisica. Una diminuita attività fisica è associata ad un aumentato rischio di sviluppare il cancro al seno e un rischio più elevato di riacutizzazione del tumore dopo il trattamento. Un'attività fisica regolare può proteggere dal cancro al seno, aiutando le donne a mantenere un peso corporeo sano, abbassando i livelli di ormoni o causando cambiamenti nel metabolismo delle donne o nei fattori immunitari.

 

Alcol. La ricerca attuale suggerisce che bere più di 1 o 2 bevande alcoliche, tra cui birra, vino e alcolici, al giorno aumenta il rischio di cancro al seno, così come il rischio di riavere il cancro dopo il trattamento.

 

Cibo. Mangiare più frutta e verdura e meno grassi animali è legato a molti benefici per la salute, compreso quello di prevenzione del cancro del seno.

 

Fattori socioeconomici Le donne più abbienti in tutti i gruppi etnici e razziali hanno un rischio più elevato di sviluppare il cancro al seno rispetto alle donne meno abbienti negli stessi gruppi. Le ragioni di questa differenza non sono note. Ma queste differenze possono essere dovute a variazioni nella dieta, alle esposizioni ambientali e ad altri fattori di rischio come la densità del seno. Le donne che vivono in povertà hanno più probabilità di essere diagnosticate in una fase avanzata e hanno meno probabilità di sopravvivere alla malattia rispetto alle donne più abbienti. Ciò è probabilmente dovuto a molteplici fattori, tra cui fattori legati allo stile di vita, altre condizioni di salute come l'obesità e la biologia dei tumori.

 

Esposizione alle radiazioni in giovane età. L'esposizione a radiazioni ionizzanti in giovane età può aumentare il rischio di cancro al seno di una donna. Ad esempio, la radiazione terapeutica sul torace per linfoma di Hodgkin può aumentare il rischio di cancro al seno.

 

La piccolissima quantità di radiazioni che una donna riceve durante una mammografia annuale non è stata collegata ad un aumentato rischio di cancro al seno.

 

Prevenzione

 

Diversi fattori causano diversi tipi di cancro. I ricercatori continuano a esaminare quali fattori causano il cancro al seno. Anche se non esiste un modo provato per prevenire completamente questa malattia, potresti essere in grado di ridurre il rischio.

 

Le seguenti opzioni possono aiutare a ridurre il rischio di cancro al seno. 

 

Chirurgia per ridurre il rischio di cancro. Per le donne con mutazioni genetiche BRCA1 o BRCA2, che aumentano sostanzialmente il rischio di cancro al seno, può essere presa in considerazione la rimozione preventiva del seno. La procedura, chiamata mastectomia profilattica, sembra ridurre il rischio di sviluppare il cancro al seno almeno del 95%. Le donne con queste mutazioni dovrebbero anche considerare la rimozione preventiva delle ovaie e delle tube di Falloppio, chiamata salpingo-ovariectomia profilattica. Questa procedura può ridurre il rischio di sviluppare il cancro ovarico, così come il cancro al seno, bloccando le ovaie dalla produzione di estrogeni. Parlate con il vostro medico di possibili effetti collaterali fisici ed emotivi se considerate di valutare queste procedure.

 

Farmaci per ridurre il rischio di cancro. Le donne che hanno un rischio più elevato del solito di sviluppare il cancro al seno possono prendere in considerazione alcuni farmaci che possono aiutare a prevenire il cancro al seno. Questo approccio può anche essere chiamato "chemioprevenzione". Questi farmaci sono chiamati modulatori selettivi del recettore dell'estrogeno e non sono chemioterapici, ma bloccano i recettori degli estrogeni in alcuni tessuti e non in altri. Poichè questi framaci hanno effetti collaterali, parlatene sempre con il vostro medico prima di assumerli e valutate rischi e benefici.

 

Scelte di stile di vita per ridurre il rischio di cancro. Un modo per ridurre il rischio di cancro al seno include l'attività fisica regolare. Gli studi suggeriscono che da 30 a 60 minuti al giorno di attività fisica da moderata ad alta intensità è associata a un rischio di cancro al seno inferiore. Altri modi includono il mantenimento di un peso sano, la limitazione della quantità di alcol che si beve e l'evitare l'uso della terapia ormonale post-menopausa per alleviare i sintomi della menopausa. L'allattamento al seno può anche ridurre il rischio di cancro al seno di una donna. 

Scrivi commento

Commenti: 0